Questo sito utilizza i cookies per un migliore e più efficiente funzionamento. Per continuare la visita ti chiediamo di accettare questa condizione che in ogni caso non sarà lesiva della tua privacy.  Per procedere cliccare su OK.

Arte e trasformazione sociale

 

arte e trasformazione sociale

CUBE ha osservato sempre con maggiore attenzione le pratiche partecipative messe in campo dagli artisti, dai curatori e da altri agenti culturali che dedicano la propria attività alla rivitalizzazione, al recupero e alla riconversione di aree e contesti urbani più o meno problematici. CUBE ha focalizzato la propria ricerca progettuale su un concetto di arte non tradizionale, intesa cioè non come produzione di oggetti da collocare in un circuito di mercato, ma vista come ideatrice e promotrice di occasioni di conoscenza, di crescita e di superamento di barriere, che diviene lo strumento attraverso cui dare voce a istanze spesso ignorate e tramite il quale portare alla luce storie, idee e proiezioni altrimenti rese invisibili dalle logiche decisionali dominanti, calate generalmente dall'alto.

Combinando gli strumenti dell'etnosemiotica e quelli dell'arte contemporanea, AETS - Arte e Trasformazione Sociale – indaga le modalità e le metodologie secondo le quali le pratiche collaborative, processuali e dialogiche vengono messe in campo dagli operatori culturali e dalla società civile in contesti di crisi o di disagio; l'impatto che esse producono sulla società; i criteri di misurazione dell'impatto dei processi partecipativi e collettivi in contesti micro-politici.

L'obiettivo del progetto è osservare l'impatto che queste pratiche hanno sulla società e sulla vita quotidiana di comunità e contesti specifici, e sviluppare metodologie di osservazione e valutazione legate alla loro efficacia sia nel caso in cui producano risultati quantificabili, sia quando il loro valore è prettamente simbolico, ma non per questo privo di conseguenze.