Questo sito utilizza i cookies per un migliore e più efficiente funzionamento. Per continuare la visita ti chiediamo di accettare questa condizione che in ogni caso non sarà lesiva della tua privacy.  Per procedere cliccare su OK.

Pratiche urbane e territoriali

 

pratiche urbane e territoriali

La città è il luogo straordinariamente denso di scambi di valori, di attribuzioni di identità, di contrattazioni di posizioni reciproche, di decisioni relative all'uso più o meno conforme degli spazi comuni, sia pubblici che privati.
CUBE assume come proprio oggetto di osservazione e di analisi l'insieme delle componenti spaziali e temporali della vita quotidiana rendendo perspicui i modi di attraversamento di una piazza, i conflitti di occupazione della carreggiata viaria da parte del traffico automobilistico e di quello pedonale,  la definizione più o meno implicita degli spazi propri e degli spazi altrui (spazi comuni, proprietà private, luoghi pubblici), barriere architettoniche o percorsi obbligati, ecc.
I modi in cui i valori di senso si distribuiscono sulla varietà degli elementi spazio-temporali sono di enorme rilevanza per comprendere come gli attori danno senso e valore alle loro pratiche di uso, di percorrenza, di appropriazione del contesto della convivenza quotidiana, e questo su scala urbano/territoriale variabile, a seconda delle pertinenze messe in gioco di volta in volta, dalla definizione della dimensione del marciapiede all'individuazione di quei tratti che differenziano tra loro le varie culture territoriali (paesaggi, modi costruttivi, tipi di circolazione, ecc).