Questo sito utilizza i cookies per un migliore e più efficiente funzionamento. Per continuare la visita ti chiediamo di accettare questa condizione che in ogni caso non sarà lesiva della tua privacy.  Per procedere cliccare su OK.

Usabilità e interfacce

 

iPhone addict

L'analisi etnosemiotica si applica con efficacia all'insieme degli oggetti della vita quotidiana, intesi come oggetti che abitano il nostro stesso spazio e che con noi interagiscono, ma anche in quanto prodotti frutto di intenzioni e pratiche progettuali tipiche della progettazione grafica, del design e dell'architettura. Gli oggetti/prodotti sono investiti di valori significanti molto precisi e influenti e meritano di essere trattati alla stregua di veri e propri testi in cui si enunciano usi, pratiche, abitudini, differenziazioni sociali e costumi culturali.
CUBE si applica all'analisi degli oggetti della produzione industriale contemporanea e all'analisi dei valori che essi veicolano, oltre che delle pratiche concrete in cui sono coinvolti. L'attenzione è rivolta prevalentemente al modo in cui gli oggetti (siano essi veri e propri prodotti-cose o prodotti-merce o al contrario ambienti di comunicazione e interazione) si interfacciano con gli umani con i quali entrano in contatto (affordances, interfacce digitali, ammiccamenti seduttivi, ecc).
Si sviluppano in questo modo considerazioni e riflessioni che vanno da un riesame dei criteri ergonomici, alla ricostruzione di un immaginario di utilizzo e valorizzazione, dall'ambito della comunicazione con cui il valore degli oggetti viene propagandato fino ai modi della loro identificazione come occupanti di uno spazio comune (uso, riuso, eliminazione, riciclaggio, bilancio energetico, ecc.).