Questo sito utilizza i cookies per un migliore e più efficiente funzionamento. Per continuare la visita ti chiediamo di accettare questa condizione che in ogni caso non sarà lesiva della tua privacy.  Per procedere cliccare su OK.

CUBE organizza un atelier sull'Etnosemiotica al XVI Congresso AISS

Durante la XVI edizione del Congresso annuale dell'Associazione Italiana degli Studi Semiotici (Rimini, 4-6 ottobre 2013) CUBE ha proposto un Atelier intorno al concetto di Etnosemiotica, al suo metodo e alle sue prospettive. I lavori si sono svolti nel pomeriggio di sabato 5 ottobre e hanno visto la partecipazione di Francesco Marsciani (introduttivo sui problemi di definizione della prospettiva etnosemiotica), di Federico Montanari, Roberto Molica, Federico Bellentani, Maddalena Palestrini e Luca Frattura (sull'esperienza di workshop di osservazione urbana condotta a Prjiedor in Bosnia), di Giuditta Bassano (sull'osservazione etnosemiotica della spazialità dei tribunali), di Silvia Viti (su un'osservazione partecipante condotta sulle pratiche di street art a Parigi) e di Tarcisio Lancioni (conclusioni sugli interventi precedenti e prospettive di sviluppo).

giornata di studi sull'Etnosemiotica

Martedi 29 ottobre 2013 si è tenuta presso il Dipartimento delle Arti di Bologna una giornata di studi sull'etnosemiotica, organizzata da CUBE in collaborazione con l'Università di Siena. L'intenzione del Centro Universitario Bolognese di Etnosemiotica era quella di discutere limiti, prospettive e metodologie di una pratica di analisi semiotica che crediamo capace di occupare lo scenario futuro della disciplina.La giornata, dedicata alla memoria di Maurizio Del Ninno, ha visto, durante la mattinata, intervenire e discutere insieme Francesco Marsciani, Tarcisio Lancioni, Stefano Jacoviello e Pierluigi Cervelli.